EXPO BY NIGHT

🇮🇹 

Consigli pratici per una visita serale all’EXPO

Abitando vicino a Milano ho potuto visitare Expo in alcune serate. Vale la pena di visitare Expo la sera?

🇬🇧 

Pratical advice

I live near Milan and I visited a few times Expo by night. Is it a good idea to visit Expo by night?

Continua a leggere…

Annunci

E… nutrizionista sia!

Alimentarsi in modo sano ed equilibrato. Dalla teoria alla pratica per chi, come me, è in sovrappeso.

46891d5c6ac01e486e3fa1f808701bb9Ho letto molti libri, seguito convegni, frequentato blog sul tema dell’ healthy food. Di certo, ormai la teoria la conosco e sicuramente, il mio modo di mangiare e la qualità dei cibi che scelgo è decisamente migliorata.

Però, chi come me, ha alle spalle una vita di lotta contro i kg di troppo, ha davvero difficoltà a mantenere i buoni propositi per lungo tempo e, soprattutto, a regolarsi con le quantità da assumere.

Ci manca un po’ il senso della misura, credo.

Quindi, visti gli obiettivi che mi sono prefissata e il mio interesse per uno stile di vita sano, ho deciso, alla fine, di rivolgermi ad una nutrizionista.

Continua a leggere…

Marco Bianchi e Food and wellness 2015

Domenica bellissima giornata a MIlano Food and Wellness #milanofw15, la 2 giorni su salute e benessere promossa da Marco Bianchi.

11401031_1136984262995009_1892146655168712302_n

Io e la mia amica Cristina siamo arrivate alle 9:00 alla Triennale di Milano pronte per la nostra corsetta di 5 km all’interno di Parco Sempione.

A poco a poco sono arrivate tutte le altre partecipanti (per la maggior parte donne) e, dopo i selfie di rito, (Marco Bianchi è davvero sempre disponibile ad esaudire le richieste dei fan), alle 9:40 circa siamo partiti.

Continua a leggere…

Marco Bianchi insegna

Marco-Bianchi

Diverso tempo fa, ho assistito a Busto Arsizio, ad una conferenza di Marco Bianchi, lo ‘chef scienziato’ ospite di diverse trasmissioni televisive. Basandosi su criteri rigorosamente scientifici, ha fornito ai presenti, alcuni consigli utili per un’alimentazione sana ma gustosa. Ecco qui di seguito le principali idee da lui delineate.
‘Con un’alimentazione corretta si potrebbe prevenire l’82% di malattie quali l’infarto, la trombosi, l’ictus e il cancro.’ È con questo concetto fondamentale che è iniziato l’incontro.
Marco Bianchi si è poi presentato al pubblico ricordando la sua collaborazione con IEO (Istituto Europeo di Oncologia), la Fondazione Veronesi e diverse iniziative tra cui SMART FOOD, progetto di ricerca volto a trovare i nuovi alimenti che permettono ad ognuno di noi di preservare la propria salute.
Nella nostra società sono in aumento i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari e tumorali, in particolare, essi sono l’alimentazione non corretta, l’abitudine al fumo e l’inattività fisica.Per fortuna ci sono anche notizie positive, infatti, ‘Dai recenti studi, si è evinto che l’alimentazione, oltre che un fattore di rischio, può  essere anche un fattore protettivo. È per questo che dagli anni novanta è nata la nutrigenomica, cioè una scienza che studia i principi dei vari alimenti per trovare quelli che hanno delle proprietà che fanno bene e che si dovrebbero utilizzare più spesso di quello che noi comunemente facciamo.’
Tra gli alimenti migliori per la nostra salute, Marco Bianchi nomina le spezie come ad esempio la curcuma o il curry, la frutta secca, in particolare le noci, l’olio di oliva e, naturalmente, frutta e verdura.
Frutta e verdura dovrebbero essere la base della nostra alimentazione. Mentre, i cereali  devono essere consumati non in quantità eccessiva e rigorosamente integrali.
‘Gli scienziati hanno scoperto che esiste un luogo al mondo in cui il 20% della popolazione è costituita da centenari, le malattie cardiovascolari sono l’80% in meno rispetto agli Stati Uniti, i casi di cancro sono il 40 % in meno, l’ipercolesterolemia e il diabete sono assenti. Questo posto è l’isola di Okinawa. Hanno studiato le abitudini alimentari e lo stile di vita dei suoi abitanti e sono arrivati ad interessanti conclusioni.’
Una di queste è che non bisogna assolutamente eccedere con il consumo di carne. Risulta infatti, da un’inquietante mappa del globo che Marco Bianchi ha presentato alla platea, che i paesi in cui c’è una maggiore percentuale di tumori, sono quelli in cui c’è un maggiore uso di carne.
‘Con questo non voglio dirvi di non mangiare più carne (anche se io non ne mangio), vi dico solo di stare più attenti e di mangiarne una quantità non superiore ai 500 grammi settimanali. In particolare, evitate i salumi. Si tratta di carne eccessivamente lavorata e per di più molto salata’. Continua lo chef.
Altri due ‘killer’ messi al bando da Bianchi sono infatti il sale e lo zucchero, già presenti nella maggior parte dei cibi confezionati e per di più, spesso aggiunti in misura eccessiva per dolcificare bevande o condire i cibi.
Anche in questo caso i numeri sono impressionanti: ‘La causa del 75% degli ictus è l’eccessivo uso di sale, più di 10 grammi al giorno’.
Attenzione anche alle etichette sugli alimenti: ‘Se la lista degli ingredienti è troppo lunga, quel cibo non è buono per la salute’. Ci informa lo studioso. Inoltre, gli ingredienti sono elencati in base alla quantità presente in quel prodotto. Perci , se tra i primi ingredienti ritroviamo il saccarosio o un, non meglio specificato, ‘olio vegetale’ significa che il quantitativo di quell’elemento nel cibo è molto alto, di conseguenza quel prodotto è da evitare.
Ultima raccomandazione, ma una delle prime per importanza, è l’attività fisica, trenta minuti al giorno aiutano a mantenersi normopeso, a prevenire disturbi circolatori e muscolari.

Proviamoci allora! Se volete conoscere meglio Marco Bianchi, ecco il suo blog su Repubblica con le videoricette: