Vacanze alla pari all’estero (o anche no) low cost!

sign-429419_640

Le vacanze estive sono lontane, è vero. Però, come ci ricorda il consiglio n. 5 tratto da Glamour UK, il massimo della felicità che deriva dalle vacanze, in realtà, è nella fase di progettazione.

Vedi: https://greenteaforbreakfast.wordpress.com/2015/03/09/your-happiness-calendar-tradotto-da-glamour-uk-february-2015/

Pianifichiamo dunque un viaggio originale e una vera esperienza di vita low cost!

Partirò dalla mia preferita: WORKAWAY.

Si tratta di un sito di scambio di domanda/offerta di lavoro ‘alla pari’.

In cambio cioè, di vitto e alloggio, gli workawayers, forniscono una prestazione che va dal baby-sitting, al servizio clienti, all’insegnamento della propria lingua madre ecc.

L’orario di lavoro, solitamente, è di poche ore giornaliere (3/4) e spesso si ha anche weekend libero.

Avendo io stessa utilizzato questo servizio, posso garantire che è stato davvero fantastico alloggiare presso una famiglia, nel mio caso in Inghilterra, con il compito di insegnare la mia lingua madre e riuscire così ad esercitarmi a mia volta nell’inglese!

Inoltre, di solito, le famiglie o strutture ospitanti sono molto attive e disponibili nel proporre escursioni e attività interessanti anche per i ‘volontari’: il risultato è un bellissimo viaggio pagando esclusivamente il volo di andata e ritorno!

Tra le proposte di Workaway, vi sono anche, per gli amanti della natura, degli animali e delle attività agricole, una serie di offerte di lavoro presso fattorie o imprese affini.

Per questo però, il sito maggiormente indicato, si chiama: WWOOF (World-Wide Opportunities on Organic Farms), specializzato nei lavori agricoli, è nato in Inghilterra nel 1971 ed è un punto di riferimento per volontari e aziende del settore.

Infine, per chi è adattabile ma nello stesso tempo non vuole ‘lavorare’ in vacanza, consiglio AVVENTURE NEL MONDO. Agenzia viaggi on line, decisamente sui generis, che propone viaggi nei cinque continenti, di gruppo e non.

Perché il risparmio sia davvero consistente, la soluzione migliore è quella dei viaggi di gruppo. Guidati da un leader che conosce bene destinazione e percorso, perché li ha già sperimentati più di una volta, i partecipanti spesso non si conoscono e sono chiamati, di tappa in tappa, a decidere dove alloggiare per la notte (anche nei campeggi), dove cenare e quanto spendere in base alla cassa comune predisposta ad inizio ‘avventura’.

Quindi, se si vuole spendere poco, approfondire una lingua straniera e conoscere nuove persone, queste sono alcune proposte interessanti!